Un attentato messo a segno con la subdola strategia del fuoco per terrorizzare la vittima designata, già presa di mira in passato, e lanciarle, pertanto, un nuovo messaggio.
E’accaduto, la scorsa notte, a Favignana.

Gli incendiari,ancora una volta, hanno fatto “visita” allo stabilimento balneare “Le piscine romane” gestito, in località Scalo San Giuseppe, da Attilio Caltabiano, dove hanno appiccato il fuoco a due mezzi.

Un camion-frigo e un furgone fermi nel parcheggio del lido. “Ho subito – dichiara il proprietario – l’ennesimo atto intimidatorio. E’ evidente che la mia presenza qui dà fastidio a qualcuno”. Originario di Termini Imerese, Attilio Caltabiano risiede da quindici anni nell’isola, dove ha sposato una favignanese e ha messo su l’attività in una zona che era prima una discarica. Da allora un escalation di episodi incendiari, tutti denunciati ai carabinieri.

 

Fonte: https://www.tp24.it